news

14/04/2020

Il sistema costruttivo a pannelli intelaiati di legno

Le case in legno rappresentano un nuovo modo di vedere l'edilizia. Da pochi anni si stano diffondendo sul territorio nazionale e rappresentano un modo di costruire diverso. Con questa nuova pubblicazione intendiamo offrire uno spazio informativo utile che possa andare in profondità e chiarire alcuni aspetti.

Iniziamo questo percorso con il sistema costruttivo a pannelli intelaiati di legno.

A guidarci sarà l'Architetto Franco Laner, professore dell'Universita IUAV di Venezia che in Italia è stato pioniere delle costruzioni in legno e che ringraziamo per i contenuti.

 

ALCUNI CENNI STORICI

Il sistema a telaio si sviluppa negli Stati Uniti. Siamo nella seconda metà del 1700 e proprio in quel periodo inizia la famosa "conquista del west" da parte dei coloni del nuovo mondo. C'era bisogno di case, fattorie e strutture ed il legno è stato un materiale importante per il sogno americano.

Questi edifici dovevano essere realizzati in tempi veloci per soddisfare le esigenze. Il baloon-frame  fu il si­stema maggiormente diffuso fino al primo terzo del 1800 cioè fino a quando non si impose una razionalizzazione del sistema, grazie all’intuizione di G. W. Snoow (1833) ed ai processi per la pro­duzione dei chiodi.

Il nuovo sistema, il platform-frame (a piattaforma) si diffuse rapi­damente e chiunque poteva autocostruirsi la casa.

Con travetti di piccola e costante sezione, facilmente trasporta­bili, una cassetta di chiodi e un manualetto di istruzioni d’uso, si potevano realizzare case a più piani, senza la necessità di abili carpentieri per la realizzazione degli incastri e il limite di due pia­ni del baloon-frame. Da piccoli villaggi, in poco tempo, nascevano città.

 

 

EVOLUZIONE DEL SISTEMA

Oggi il pannello intelaiato viene realizzato in stabilimento con macchine  a controllo numerico (cnc) con possibilità di errore prossime allo zero.

 

 

Il legno arriva oggi in cantiere con i com­ponenti già predisposti, siano essi unidire­zionali, sia pannelli bidirezionali, sia tridi­mensionali predisposti per il montaggio.

I pannelli, pronti, con grado di finitura da completare in opera - spesso molto avanzato, tal da rendere minime le operazioni finali – vengono assemblati in loco.

Oggi per la buona riuscita di una costruzione in legno un buon produttore deve avere un eccellente ufficio tecnico, capace di interfacciarsi con l’utente e con la produzione stessa.

Un ufficio tecnico preparato è la condizione per l’esito di una co­struzione di legno, poiché, anche se discutibile da tanti punti di vista, è la figura chiave della progettazione esecutiva, impiantisti­ca, sicurezza e cantiere e solo in parte i progettisti del committen­te hanno ruoli decisivi. Ovviamente salvo rarissimi casi, che però, non fanno statistica.

 

REQUISITI PRESTAZIONALI

Spesso, troppo spesso, la pubblicità per le costruzioni di legno è formulata con asserzioni banali e talvolta fuorvianti.

Dire che una casa di legno è più sicura, ad esempio, in caso di ter­remoto, significa poco o nulla. Ogni costruzione deve rispondere ai requisiti di sicurezza stabiliti dalle Norme nazionali ed europee.

 

 

Un materiale in sé non determina l’antisismicità ma conta la concezione con cui la costruzione è stata realizzata.

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

Dicono di noi: I nostri clienti

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Richiedi un preventivo

 

TORNA ALLA HOME

 

LA TUA CASA SUBISSATI RICHIEDI UN PREVENTIVO